Cerca nel sito

Motore di ricerca del sito

Menu di navigazione

Calendario degli eventi

Salta il calendario degli eventi
Calendario
gennaio  2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 01 02 03 04

Master universitario di I° livello in Restauro per i Beni Archeologici

Università degli Studi di Siena Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali


Master di primo livello: RESTAURO PER I BENI ARCHEOLOGICI

Università di Siena, sede di Grosseto

Uscita bando: ottobre 2012
Scadenza iscrizioni : 18 gennaio 2013

Ente promotore: Università degli Studi di Siena

Enti/aziende partner: Fondazione Musei Senesi, Confederazione Nazionale dell’Artigianato, (CNA) Associazione Provinciale di Grosseto, Polo Universitario Grossetano.

Sede: Il Master si svolge in due aree della Toscana (Grosseto e Chianciano Terme, Siena) particolarmente ricche di beni archeologici, con numerose  istituzioni pubbliche e private che operano attivamente nel settore. Una parte delle lezioni si svolgerà presso la sede di Grosseto del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, in via Zanardelli n. 2. L’altra parte delle lezioni si svolgerà presso Villa Simoneschi e presso il Laboratorio di Restauro del Museo Civico Archeologico a Chianciano Terme (Siena).

Durata: 12 mesi

Termine presentazione domanda: gennaio 2013

Quota di partecipazione: 4.000 euro (rateizzabile)

Borse di studio previste: Sì (www.archeogr.unisi.it)

Referenti: Prof.ssa Lucia Sarti - via Roma 56, 53100 Siena - 0577/234876 - 0577/234601 - lucia.sarti@unisi.it

Aziende/Enti coinvolti per stage o eventuale inserimento lavorativo degli studenti del master: Caratterizzante e professionalizzante è la parte pratica di 400 ore di stage che verranno svolte presso enti di alta specializzazione (cooperative, enti pubblici e privati, etc). La convenzione con la  Soprintendenza dei beni archeologici della Toscana permetterà l’accesso a reperti e contesti archeologici della Toscana. Gli studenti possono  scegliere di svolgere lo stage presso i numerosi Enti convenzionati con l’Università di Siena in Italia e all’Estero.

Organizzazione dell a didattica: Il Master è organizzato in moduli di insegnamento correlati con lezioni teoriche, attività di laboratorio e sul campo;  sono previste visite di studio/seminari di approfondimento. La docenza è seguita da restauratori e tecnici del Ministero dei Beni culturali -  Soprintendenza dei Beni Archeologici della Toscana. L’organizzazione didattica è centrata soprattutto sulla definizione dello stato di conservazione e sull’esercitazione pratica di restauro dei materiali lapidei naturali (pietre) e artificiali (ceramiche e malte), con attenzione particolare alle problematiche legate alla conservazione dei manufatti in metallo e in materia dura animale. Vengono individuate all’interno del percorso formativo le seguenti aree disciplinari:

DISCIPLINE PROPEDEUTICHE
Chimica 4,5 CFU
Mineralogia e petrografia 5 CFU
Storia delle tecnologie 9 CFU
Storia della produzione archeologica 11 CFU
Legislazione 3 CFU

DISCIPLINE DEL RESTAURO
Principi e Storia del Restauro 4 CFU
Tecniche del restauro 9 CFU
Degrado e Conservazione dei materiali archeologici 6,5 CFU
Diagnostica 2,5 CFU
Documentazione e Report 2 CFU= 3
Rapporto contesto scavo/ambiente 4,5 CFU

DISCIPLINE PER LA DOCUMENTAZIONE
Disegno 2 CFU
Fotografia e rielaborazione 1 CFU
Tecniche innovative di rilievo delle superfici 1

CFU
Trattamento informatizzato dei dati 3 CFU
Stage 16 CFU

Descrizione : Il Master ha l’intento di approfondire la preparazione nell’ambito del restauro dei manufatti mobili e di elevati archeologici per laureati di primo livello che già abbiano una preparazione di base nell’ambito dei beni archeologici e architettonici. Il corso si propone di fornire le competenze per un professionista che sappia: partecipare alla definizione dello stato di conservazione e/o degrado del manufatti; mettere in atto una procedura per limitare il processo di degrado dei materiali costitutivi dei beni in esame, agendo in base alle proprie competenze in collaborazione con il restauratore e garantendo la corretta esecuzione. Il Collegio docenti può concedere dietro richiesta documentata dello  studente il riconoscimento di crediti formativi per attività comprese nel master già svolte.

La figura professionale formata in particolare sarà in grado di: indicare le analisi e le perizie necessarie prima dell’intervento di restauro; confrontarsi con le professionalità a carattere scientifico, quali quelle del chimico, del geologo, del fisico e del biologo per avviare analisi utili alla soluzione dei problemi di restauro; curare e scegliere le attrezzature, la preparazione dei materiali necessari per gli interventi collaborando con il restauratore. E’ importante che il professionista sappia dialogare con gli archeologi che operano sul campo per risolvere situazioni di recupero dei reperti così come con responsabili di esposizioni temporanee e allestimenti museali per la scelta di situazioni espositive o di trasporto dei beni archeologi.

Contatti:
telefono: 0564-760416
e-mail: segrbeniarch@unisi.it
www.archeogr.unisi.it

Allegati:

Bando
Variazione al Bando
Modulistica ammissione
Modulistica ammissione (English version)

Depliant
Locandina

Menu dei collegamenti di utilità