Menu di navigazione

Calendario degli eventi

Salta il calendario degli eventi
Calendario
luglio  2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
25 26 27 28 29 30 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 01 02 03 04 05

Mostra: Don’t play-mobile but Playmobil

COMUNICATO STAMPA - INVITO

Chianciano Terme 15 novembre 2017 ore 12.45

Mostra: Don’t Play-mobile but Playmobil
Dove: Villa Simoneschi, Viale Dante, Chianciano Terme
Periodo: 11 novembre 2017 – 14 gennaio 2018
Apertura mostra: sabato, domenica e festivi dalle ore 15.30 alle 19.30
Ingresso: libero

A Chianciano Terme torna la mostra Playmobil dall’11 novembre 2017 al 14 gennaio 2018

“Don’t play-mobile but Playmobil” una delle collezioni più importanti d’Europa quest’anno si trasforma diventando la città medievale di Chianciano Terme

Danila Piccinelli: “La mostra visitata nelle edizioni passate da migliaia di persone ora viene richiesta da città come Roma e Milano”. Alfonso Lionelli, uno dei collezionisti più rilevanti d’Europa invita a giocare con gli oggetti della Playmobil

Chianciano Terme - (Siena) – Oggi con l’utilizzo del digitale si potrebbe fare qualsiasi cosa ma utilizzare oggetti in plastica, prodotti dalla Playmobil, rimodellarli in modo artigianale ed utilizzarli per ricomporre e ricostruire qualcosa da mostrare al pubblico è sicuramente più affascinante. Ricostruire poi un’intera cittadina, assemblando i pezzi della Playmobil appare, anche per gli appassionati ed i collezionisti, risulta una impresa ardua e difficile, ma a Chianciano Terme c’è chi ci è riuscito. Si chiama Alfonso Lionelli, è un mago vero e proprio, riesce a manipolare, modificare e cambiare questi oggetti in modo tanto abile che persino i collezionisti si chiedono come faccia. Ed è grazie al suo entusiasmo e a quello dell’Amministrazione comunale, che ha capito che nella cittadina termale vive uno dei più grandi collezionisti europei di Playmobil e artigiano di questi oggetti, che da tre anni a questa parte, in sinergia collaborano per l’ideazione e la creazione di opere uniche che si possono guardare ed apprezzare solo a Chianciano Terme.

E così, per il terzo anno consecutivo l’Amministrazione comunale, che ha concesso il patrocinio per l’evento, ha voluto che l’esposizione di Alfonso Lionelli, presidente dell’Associazione culturale Ape Gaia di Chianciano Terme e proprietario della preziosa collezione, tornasse nei locali di Villa Simoneschi, in Viale Dante, di fronte al Museo etrusco. L’occasione è quella delle festività natalizie 2017, perché tutta la cittadina quest’anno è coinvolta con “Il Paese di Babbo Natale”, dal Parco Acquasanta, dove ha preso il vita lo scorso fine settimana il villaggio con la dimora di Babbo Natale, sino al centro storico, con i suoi suggestivi borghi illuminati come il resto della città.

La mostra, inaugurata sabato 11 novembre 2017, è visitabile fino a domenica 14 gennaio 2018 ed ha un titolo molto significativo: “Don’t Play-mobile but Playmobil”, che non è solo un gioco di parole ma sta a significare che possiamo utilizzare le nostre mani non solo per lo smartphone ma anche per manipolare gli oggetti ludici come quelli di Playmobil, ed in questo caso la fantasia può liberarsi all’infinito. L’ingresso alla mostra è libero e questi sono gli orari di apertura: sabato, domenica e festivi dalle 15.30 alle 19.30.

“Questa è una mostra unica nel suo genere - afferma l’Assessore alla cultura Danila Piccinelli - che richiama un vasto target di visitatori, lo scorso anno ne ha registrati circa un migliaio. I visitatori rimangono entusiasti per la vastità dell’esposizione e la cura maniacale ‘del particolare’, riscuotendo ogni anno
straordinari commenti positivi tanto da essere richiesta per esposizioni anche in altre città come Roma e Milano”.

“Chianciano Terme vuole diventare un paese sempre più a misura di bambino ed i progetti a cui questa amministrazione tiene in particolare sono anche quelli che stimolano messaggi positivi per bambini e ragazzi - prosegue l’Assessore Piccinelli - è importante, infatti, il messaggio che questa iniziativa vuole dare: un invito per i ‘nativi digitali’ a trascorrere meno tempo con tablet e cellulari per lasciare spazio all’immaginazione, così da stimolare la creatività anche attraverso i giochi manuali”.

Da quando Alfonso Lionelli ha fatto uscire dalle mura del suo magazzino la sua splendida collezione, che ogni anno si arricchisce di nuovi diorami - ovvero plastici di ambientazioni in scala ridotta che ricreano scene di vario genere – i suoi pezzi rivivono e si trasformano costantemente, tanto che, con le sue
manipolazioni, riesce a creare costruzioni artigianali uniche e per l’edizione di quest’anno l’assemblamento di questi oggetti risulta veramente eccezionale. Lionelli è riuscito a riprodurre i principali monumenti di Chianciano Terme che rappresentano un punto fermo nell’evoluzione storica, che a partire dal periodo medioevo sono giunti fino ai giorni nostri.

Una città intera riproposta con tutti i personaggi della Playmobil dislocati ovunque, dentro e fuori le abitazioni. Un’attenzione particolare è stata data anche alle attrattive che ci sono a Chianciano Terme; e così si può ammirare un circo, il trenino e tanto altro ancora, come una serie di automobili risalenti ai primi del Novecento, il Grand Hotel, la torre dell’orologio, ovviamente tutto in rigorosamente nella stessa scala. Insomma, tanti personaggi e tanti modellini, tipici del brand tedesco della Playmobil, che si sono trasformati sapientemente per rappresentare la realtà della stazione termale, ambientazioni che appassionano, stupiscono e meravigliano sia i bambini che gli adulti.

“Pensare alle politiche per i nostri bambini e ragazzi, il nostro futuro, rappresenta un punto fermo per questa amministrazione e non a caso abbiamo pensato di dare il benvenuto nella nostra città utilizzando immagini di simpatici animaletti, un modo giocoso, festoso e colorato per accompagnare anche i turisti nei percorsi culturali, del benessere, enogastronomico e ludico che la cittadina di Chianciano terme offre ai visitatori” - conclude Danila Piccinelli.

         

Documenti

Attenzione: i documenti di seguito riportati potrebbero richiedere la presenza di applicazioni o visualizzatori.
 

Menu dei collegamenti di utilità