COPPIE

NASCITA

Riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio


Denuncia di nascita


Riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio

Il riconoscimento del figlio non nato in costanza di matrimonio può essere effettuato avanti all’Ufficiale di Stato civile (art. 250 e seguenti c.c.), previa  istruttoria.

1. prima della nascita

Il riconoscimento prima della nascita è effettuato durante la gestazione davanti all’ufficiale di stato civile o con atto notarile:

  • dalla sola madre
    oppure
  • da entrambi i genitori (in tal caso la successiva dichiarazione di nascita può essere resa anche da uno solo dei genitori)

Documenti da presentare

  • documento di identità valido del/i genitore/i
  • certificato medico attestante il periodo di gestazione

2. al momento della nascita

Il riconoscimento dei figli al momento della nascita da parte di uno o di entrambi i genitori è contestuale alla dichiarazione di nascita.

3. dopo la nascita

  • dalla sola madre
    oppure
  • da entrambi i genitori
    oppure
  • dal solo padre

Se il riconoscimento è di un solo genitore, l’eventuale successivo riconoscimento del figlio minore di 14 anni, da parte dell’altro genitore, può avvenire solamente con l’assenso del primo genitore che ha riconosciuto il figlio.

Il consenso non può essere rifiutato se risponde all’interesse del figlio. Il genitore che intende riconoscere, in caso di diniego del consenso, ricorre al giudice competente.

Il riconoscimento del figlio maggiore di 14 anni non produce effetto senza il suo consenso.

Requisiti

  • compimento dei 14 anni di età dei genitori con autorizzazione del Tribunale (L. 219/2012)
  • assenza di legami di parentela o affinità tra i genitori nei gradi che impediscano il riconoscimento (art. 251 del Codice Civile)

I genitori non italiani devono presentare una dichiarazione rilasciata dalla autorità diplomatica o consolare del paese di appartenenza attestante la capacità a riconoscere il figlio e le condizioni previste dalla legge nazionale del figlio per il riconoscimento.

Documenti da presentare

  • documento di identità valido del/i genitore/i
  • se il figlio è nato in un Comune diverso, l’ufficio acquisisce la copia integrale dell’atto di nascita.

Attribuzione del cognome

Il figlio riconosciuto acquisisce il cognome del genitore che lo ha riconosciuto per primo o del padre se il riconoscimento è avvenuto congiuntamente.
Se il riconoscimento del padre avviene successivamente a quello della madre il figlio può assumere il cognome del padre anteponendolo, aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre, o può anche mantenere il solo cognome materno: per i minorenni decide il Tribunale ordinario (su istanza di parte), per i maggiorenni decide il figlio riconosciuto.

L’attribuzione del cognome di cittadini non italiani segue la normativa del paese di appartenenza.


Per informazioni rivolgersi a:

Ufficio Stato Civile
Via Solferino n. 3 – Chianciano Terme (Siena) – Palazzo comunale – piano terra
Responsabile del servizio – Istruttore Direttivo
Dottoressa Loredana Banini
Telefono: 0578 652260
Fax: 057831607
E-mail: demografico@comune.chianciano-terme.si.it

Orario apertura al pubblico Uffici Demografici:

lunedì – ore 09,00 / 12,30 – pomeriggio chiuso;
martedì – ore 09,00 / 12,30 – pomeriggio (su appuntamento) dalle ore 15,00 alle ore 17,30;
mercoledì – ore 09,00 / 12,30 – pomeriggio chiuso;
giovedì – ore 09,00 / 12,30 – pomeriggio (su appuntamento) dalle ore 15,00 alle ore 17,30;
venerdì – ore 09,00 / 12,30 – pomeriggio chiuso;
sabato – l’ufficio è normalmente chiuso, tuttavia per urgenze è possibile telefonare, nella stessa mattinata, al numero di telefono 0578652260, per verificare la presenza di personale disponibile nell’ufficio.


Quest’area sul nostro sito è organizzata in questo modo:

Risorse correlate