Residenza e cittadinanza

Richiesta della cittadinanza italiana

 La richiesta di cittadinanza va presentata agli uffici della Prefettura


Concessione della cittadinanza italiana per matrimonio, per residenza o a seguito di adozione

Ecco chi può presentare la richiesta:

1. per matrimonio con un cittadino italiano

  • il coniuge straniero o apolide di un cittadino italiano quando, dopo il matrimonio:
    • risieda legalmente in Italia da almeno 2 anni
      oppure
    • risieda all’estero da almeno 3 anni se, al momento della concessione della cittadinanza italiana, non vi siano divorzio o separazione dei coniugi

2. per residenza

  • il cittadino dell’Unione europea, dopo quattro anni di residenza in Italia
  • il cittadino extracomunitario, dopo dieci anni di residenza in Italia
  • il cittadino straniero, il cui genitore, o ascendente in linea retta di secondo grado, è cittadino italiano per nascita o è nato nel territorio della Repubblica e vi risiede legalmente da almeno tre anni
  • una persona apolide, dopo cinque anni di residenza in Italia

3. per adozione

  • il cittadino straniero maggiorenne adottato da un cittadino italiano, dopo cinque anni di residenza successivi all’adozione

Documenti da presentare

  • cittadini dell’Unione Europea
    • estratto dell’atto di nascita, completo di tutte le generalità
    • in caso di impossibilità, attestazione rilasciata dall’Autorità diplomatica o consolare del paese di emigrazione, tradotta in lingua italiana e legalizzata dalle Autorità diplomatiche consolari italiane nel paese d’origine. L’attestazione dovrà indicare le esatte generalità (nome, cognome, data e luogo di nascita), paternità e maternità.
  • cittadini extra UE
    • estratto di nascita
    • certificati penali del paese d’origine e degli eventuali paesi terzi di residenza, tradotti in lingua italiana e legalizzati dalle Autorità diplomatiche consolari italiane nel paese d’origine

Per tutti, i documenti dovranno essere prodotti in cinque copie:

  • un originale con marca da bollo da € 16,00
  • quattro fotocopie da presentare alla Prefettura di Siena.

Le istanze presentate a mezzo posta NON sono più accettate.


Notifica dei decreti di concessione della cittadinanza italiana

La notifica avviene da parte del Servizio Messo del Comune di Chianciano Terme mediante consegna del decreto esclusivamente nelle mani del titolare presso l’indirizzo di residenza.

In caso di assenza del titolare il Messo Comunale lascerà un avviso con invito a presentarsi personalmente negli uffici del Comune per il ritiro del decreto in:

Via Solferino, n. 3 (piano primo del Palazzo Comunale) – per orari al pubblico del Messo Comunale consulta la seguente pagina

Dopo il ritiro del decreto sarà possibile fissare la data del giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana.


Giuramento di fedeltà

Per prenotare il giuramento di fedeltà occorre presentarsi personalmente presso:

Comune di Chianciano Terme
Ufficio di Stato Civile
via Solferino n. 3

(gli uffici sono a piano terra entrando in fondo al corridoio)

Documenti necessari per la prenotazione:

  • decreto di concessione della cittadinanza
  • documento di identità

NOTA BENE: il giuramento deve avvenire improrogabilmente entro sei mesi dalla data della notifica del decreto. Decorso tale termine il decreto perde ogni efficacia.


Acquisizione della cittadinanza italiana per nascita o per discendenza (jure sanguinis)

1. per origine
è cittadino italiano per nascita chi nasce da padre o madre cittadino/a

2. per beneficio di legge diventa cittadino italiano:

  • chi è nato nel territorio della Repubblica Italiana, se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi, o se non segue la cittadinanza dei genitori
  • il cittadino straniero riconosciuto durante la minore età da un cittadino italiano
  • il cittadino straniero riconosciuto da un maggiorenne
  • il cittadino straniero nato in Italia e qui residente sin dalla nascita senza interruzioni fino al compimento del 18° anno, che renda dichiarazione di elezione della nostra cittadinanza tra il 18° e 19° anno di età
  • il cittadino straniero diretto discendente di cittadini italiani che non hanno mai rinunciato alla cittadinanza italiana (jure sanguinis)
  • il cittadino discendente di cittadini italiani residenti nei territori dell’ex impero austro-ungarico
  • il cittadino che ha perso la cittadinanza italiana e intende riacquistarla.

Documenti da presentare

  • per residenti e cittadini dell’Unione europea
    • autocertificazione
  • per cittadini extracomunitari
    • certificazione originale del paese d’origine, tradotta e legalizzata in lingua italiana da nostra Ambasciata o da Consolato all’estero
    • domanda compilata e firmata presso l’Ufficio Anagrafe del Comune di Chianciano Terme in Via Solferino n. 3
      (presentarsi con un documento di identità valido)

 


Adempimenti successivi al giuramento

Cinque giorni lavorativi dopo il giuramento:

1. recarsi all’ufficio Anagrafe del Comune di Chianciano Terme per consegnare l’atto di nascita (originale, tradotto e legalizzato) – che viene trattenuto – ai fini della trascrizione (può presentarsi anche persona delegata, munita di delega scritta e copia documento di identità del delegante);

2. richiedere la carta d’identità elettronica.

Con la nuova carta d’identità è possibile richiedere il passaporto italiano presso la Questura o il Commissariato di zona. Contestualmente al rilascio del passaporto viene ritirato il permesso/carta di soggiorno.

Chi è coniugato con persona di cittadinanza straniera, deve consegnare l’atto di matrimonio (originale, tradotto e legalizzato) ai fini della trascrizione presso l’Ufficio Anagrafe del Comune di Chianciano Terme. Il coniuge potrà fare richiesta di cittadinanza italiana alla Prefettura se risiede legalmente in Italia da almeno 2 anni dopo il giuramento dell’altro coniuge (tali termini sono ridotti della metà in presenza di figli nati o adottati dai coniugi).

In caso di figli minorenni presenti sul permesso/carta di soggiorno del genitore è preferibile posticipare la richiesta del passaporto italiano al momento in cui anche i figli saranno in possesso della carta di identità come cittadini italiani. Infatti i figli minorenni stranieri, residenti con il genitore diventato cittadino italiano, diventano anch’essi cittadini italiani ma la procedura richiede 120 giorni per essere completata. Per i figli minorenni nati all’estero e diventati cittadini italiani, occorre consegnare, ai fini della trascrizione, un loro atto di nascita (originale, tradotto e legalizzato) all’Ufficio Anagrafe del Comune di Chianciano Terme.


Informazioni utili

Acquisto della cittadinanza italiana: informazioni generali

Cittadinanza per nascita

Cittadinanza Iure Sanguinis


Normativa di riferimento

Legge n. 91 del 5/2/1992, nota come Legge Martelli

Legge n. 379 del 14/2/2000

Decreto Ministeriale o Decreto del Presidente della Repubblica – collegamento a Ministero dell’Interno

Indicazioni della Prefettura di Siena


Per informazioni rivolgersi a:

Ufficio Anagrafe
Via Solferino n. 3 – Chianciano Terme (Siena) – Palazzo comunale – piano terra
Responsabile del servizio – Istruttore Direttivo
Dottoressa Loredana Banini
Telefono: 0578 652261
Fax: 057831607
E-mail: demografico@comune.chianciano-terme.si.it

Orario apertura al pubblico Uffici Demografici:

Previo appuntamento

lunedì – ore 09.00 / 12.30 – pomeriggio chiuso;
martedì – ore 09.00 / 12.30 – pomeriggio (su appuntamento) dalle ore 15.00 alle ore 17.30;
mercoledì – ore 09.00 / 12.30 – pomeriggio chiuso;
giovedì – ore 09.00 / 12.30 – pomeriggio (su appuntamento) dalle ore 15.00 alle ore 17.30;
venerdì – ore 09.00 / 12.30 – pomeriggio chiuso;
sabato – l’ufficio è normalmente chiuso, tuttavia per urgenze è possibile telefonare, nella stessa mattinata, al numero di telefono 0578 652261, per verificare la presenza di personale disponibile nell’ufficio.

Quest’area sul nostro sito è organizzata in questo modo:

Risorse correlate