Porta del Sole

Porta del Sole è una delle tre porte dell’antico borgo medievale di Chianciano Terme, l’antico accesso sud del paese. Anticamente Porta del Sole era denominata Porta Stiglianese. L’antica porta aveva un torrione quadrato con merli ed un ponte levatoio già nel 1447, come si legge dalle fonti storiche. L’antica porta fu demolita nel 1783 quando ne venne costruita una nuova dall’architetto chiancianese dottor Leonardo de’ Vegni e sopra vi fu posizionata l’immagine del Redentore realizzata dallo stesso de’ Vegni nel 1784. L’architetto nell’intervento di riqualificazione di questa porta dalla forma insolita segmentata dell’arco volle inserire il bassorilievo raffigurante Cristo, realizzato con “tartaro” dei Bagni di San Filippo, il particolare procedimento inventato dallo stesso Leonardo Massimiliano de’ Vegni, corredata dall’epigrafe:

MDCCLXXXIV L. de Vegnis: aedilis D. D. tutamque portam aere pprio ornavit

Immagine del Cristo realizzato da Leonardo Massimiliano de’ Vegni

Il procedimento di lavorazione del “tartaro” fu messo a punto dallo stesso de’ Vegni, che lo scoprì da bambino mentre giocava in una piccola borgata nei pressi di Bagni San Filippo. I “tartari” che realizzò il de’ Vegni, insieme all’amico scultore Giuseppe Paglieri, furono particolarmente apprezzati non solo in Europa ma anche nelle Americhe.

Contemporaneamente all’abbellimento e rifacimento della Porta del Sole nel periodo del de’ Vegni, nello stesso periodo vi furono posti due antichi sepolcri con le rispettive iscrizioni. Oggi di queste due urne non vi è più traccia.

 

Porta del Sole rappresentata in una vecchia cartolina

Immagine della Porta del Sole vista dall’interno del paese

Cartolina con veduta dei Bagni di San Filippo

Quest’area sul nostro sito è organizzata in questo modo:

Risorse correlate