Porta Rivellini

Il punto dal quale possiamo partire per vedere il centro storico è Porta Rivellini, che attraversandola ci permette di entrare nel borgo, il cui nucleo più antico si trova su un dosso di tufo e roccia, proprio in fondo al paese.

Dopo aver varcato Porta Rivellini, sulla sinistra, si trova la prima chiesa del centro storico, la Chiesa dell’Immacolata. Questa chiesa in passato si chiamava Santa Maria della Stella e poi Chiesa della Morte.

Curiosità su Porta Rivellini

La porta di accesso principale al centro storico oggi si chiama Porta Rivellini, e nel tempo i chiancianesi gli hanno cambiato nome altre due volte.

Dapprima era denominata Porta delle Tavarne, perché subito dopo l’ingresso a questa porta, sul lato destro entrando, esistevano, numerose taverne, dove la gente che passava da queste parti si fermava a mangiare. Poi gli fu dato il nome di Porta del Poggiolo, perché uscendo da questa porta si raggiunge una fontanella di acqua denominata del Poggiolo. Questa fontanella d’acqua esiste ancora oggi e l’acqua vi scorre abbondante. Poi fu chiamata Porta Rivellini, perché anticamente Chianciano era un castello e da questa parte si accedeva al paese attraverso la fortificazione con doppie porte.

In architettura viene definito rivellino o revellino un tipo di fortificazione indipendente, generalmente posto a protezione di una porta di una fortificazione maggiore. La grande diffusione di questo tipo di struttura, soprattutto nell’ambito della fortificazione in epoca moderna, ha fatto si che la parola si diffondesse in tutta Europa (inglese e francese ravelin, spagnolo revellín, portoghese revelim) ma ne ha contemporaneamente sfumato il significato, cosicché spesso sono etichettate come rivellini strutture di tutti i generi. Ecco perchè a questa porta è stato dato il nome di Porta Rivellini.

Quest’area sul nostro sito è organizzata in questo modo:

Risorse correlate