La bruschetta al pomodoro

Le vere origini della bruschetta si perdono nella notte dei tempi: non si hanno notizie certe, fatta eccezione per alcuni sporadici indizi. Molti studiosi ipotizzano che il suo luogo di nascita sia situato in un territorio compreso tra le regioni italiane della Toscana e del Lazio.

Si narra che tanti anni fa, in un paese della Toscana viveva in una casetta una bella ragazza di nome Brusca.

Uscendo di casa, sentì una donna parlare di una festa organizzata dal re, alla quale avrebbero paretecipato tutte le ragazze da marito del paese, ognuna doveva preparare una pietanza e chi avrebbe portato la pietanza più saporita sarebbe stata scelta come sposa per il figlio.

Appena sentì parlare di questa festa si mise a pensare a cosa avrebbe potuto portare, ma non le venne in mente nulla perché era molto povera e in casa aveva solo del pane vecchio, del basilico e dell’olio.

Avrebbe voluto così tanto essere presa in sposa dal principe ma non aveva nulla di così soddisfacente da poter portare.

Decise di uscire nell’orto in cerca di qualche ingrediente adatto a preparare un piatto importante.

Riuscì a rimediare un pomodoro, le sembrò poca cosa ma non aveva altro, lo fece a piccoli pezzi per poterlo sfruttare al meglio.

Aveva del pane che era ormai raffermo, lo tagliò a fette e lo mise ad abbrustolire.

Dopo aver tagliato il pomodoro prese uno spicchio d’aglio e lo strofinò sopra il pane e ci mise sopra il pomodoro a pezzi, l’aglio, il basilico, il sale e l’ olio.

La donna prese il suo piatto semplice e lo portò alla corte del re, dove si mise in fila per ore e ore, fino a che non arrivò il suo turno.

Il re rimase stupito dalla semplicità e dalla bontà del piatto, così decise di prendere in sposa per il figlio Brusca e chiamò il piatto in suo onore ” Bruschetta”.

Ingredienti

  • Una fetta di pane
  • Olio extravergine di oliva
  • Basilico
  • Sale
  • Aglio

Lavare i pomodori, svuotateli dei semi e tagliateli a dadini. Conditeli con abbondante olio extravergine d’oliva, sale. Aggiungete il basilico. Tagliate il pane a fette e fatelo abbrustolire sulla griglia bruscandolo su entrambi i lati. Strofinate la superficie del pane con uno spicchio d’aglio e condite col pomodoro. Servite la bruschetta al pomodoro appena è pronta, con il pane ben caldo.

In realtà prima della bruschetta al pomodoro occorre parlare della bruschetta all’olio.

La bruschetta all’olio d’oliva

La parola “bruschetta” deriva dal verbo “bruscare”. Il suo significato è “abbrustolire” e/o “bruciare”, qualcosa che chiaramente indica la modalità di cottura delle fette di pane. La bruschetta all’olio d’oliva si perde, davvero, nella notte dei tempi e l’olio di oliva è un   ingrediente fondamentale nella preparazione della bruschetta.
L’antico e misterioso popolo degli Etruschi fu il primo ad utilizzarlo, ricavandolo dalla spremitura di olive coltivate proprio nella zona tra Toscana e Lazio.
In realtà gli etruschi usarono questo ingrediente nelle cerimonie religiose, come farmaco e come combustibile per le lampade. Il merito di averne fatto un alimento va assegnato ai romani.
Il pomodoro, confinato in centro e sud America, rimase del tutto sconosciuto in Europa fino alla metà del 1500, quando Hernán Cortés portò in Spagna alcune piantine di ritorno da una spedizione nel Nuovo Mondo.

 

aggiornamento 23 maggio 2019

Quest’area sul nostro sito è organizzata in questo modo:

Risorse correlate